Differenze tra il Certificato di non residenza («Certificado de no residente») e il Certificato di registrazione di cittadino dell’Unione Europea in Spagna («Certificado de registro de Ciudadano de la Unión Europea»)

In Spagna esistono diversi tipi di certificati e documenti richiesti ai cittadini stranieri che desiderano risiedere nel Paese. Due di questi documenti sono il «Certificado de No Residente» e il «Certificado de Registro de Ciudadano de la Unión Europea«. Sebbene entrambi si riferiscano allo status di residente, presentano differenze significative che è importante comprendere per evitare confusione e rispettare i requisiti legali corrispondenti. In questo articolo discuteremo le caratteristiche principali e le differenze tra questi due certificati.

Certificato di non residenza («Certificado de no residente»)

Il «Certificado de No Residente» è un documento rilasciato dalle autorità di polizia per le persone che non sono fiscalmente residenti in Spagna, ma che devono effettuare determinate operazioni o formalità nel Paese. In genere, questo certificato è richiesto in situazioni come la vendita di un immobile, l’apertura di un conto bancario per non residenti o l’ottenimento di un mutuo. Il suo scopo principale è quello di accreditare lo status fiscale del richiedente e la sua non residenza in Spagna. Questo documento è anche conosciuto, impropriamente, come «NIE bianco«, perché è di fatto un foglio bianco di carta A4.

La procedura per ottenere il Certificato di non residenza prevede la presentazione di vari documenti alla Polizia Nazionale spagnola, dove viene verificato lo status del richiedente e viene rilasciato il certificato. È importante notare che questo certificato non conferisce alcun diritto di residenza in Spagna e la sua validità è limitata a specifici fini fiscali. Questo tipo di documento consiste in un foglio bianco, senza data di scadenza. Questo documento, ottenuto da un cittadino dell’Unione Europea, consente di lavorare e di ottenere un numero di previdenza  sociale spagnolo («Número de Seguridad Social«), proprio come il «Certificado de registro de Ciudadano de la Unión Europea» (Certificato di registrazione come cittadino dell’Unione Europea).

Certificato di registro di cittadino dell’Unione Europea

Il «Certificado de Registro de Ciudadano de la Unión Europea» è invece un documento destinato ai cittadini degli Stati membri dell’Unione Europea, dello Spazio Economico Europeo o della Svizzera che desiderano risiedere in Spagna per un periodo superiore a tre mesi. Questo certificato è obbligatorio per esercitare il diritto di residenza nel Paese e godere dei benefici e dei diritti ad esso associati. Spesso molti si riferiscono a questo documento, impropriamente, come «NIE verde«, a causa del suo aspetto di tessera verde tascabile, di carta.

La procedura per ottenere il Certificato di registro di Cittadino dell’Unione Europea prevede la presentazione di vari documenti, come il passaporto o la carta d’identità, la prova dei mezzi finanziari e dell’assicurazione sanitaria e una dichiarazione di residenza in Spagna. Una volta ottenuto, questo certificato accredita la residenza legale in Spagna e garantisce diritti quali l’accesso ai servizi pubblici, all’istruzione, al lavoro e alle cure mediche, tra gli altri. Il documento consiste in una carta verde che non ha scadenza, ma che può essere convertita, dopo 5 anni e se i requisiti sono soddisfatti, in un «Certificato permanente» («Certificado de residencia permanente de Ciudadano de la Unión Europea«).

Quali sono i requisiti per ottenere il «Certificato di registro come cittadino della Comunità Europea» (Carta Verde di Residente UE)?

Il “Certificado de registro de ciudadano de la Unión Europea” puo’ essere richiesto da:

– Qualsiasi persona proveniente da uno Stato membro dell’Unione Europea o da un altro Stato aderente all’Accordo sullo Spazio Economico Europeo ha il diritto di risiedere nel territorio dello Stato spagnolo per un periodo superiore a tre mesi se:

  • è un lavoratore dipendente in Spagna, o
  • è un lavoratore autonomo in Spagna, o
  • dispone di risorse sufficienti per sé e per i membri della sua famiglia, in modo da non diventare un peso per il sistema di assistenza sociale spagnolo durante il periodo di residenza. Inoltre, deve presentare un’assicurazione sanitaria pubblica o privata, stipulata in Spagna o in un altro Paese, che offra una copertura in Spagna durante il periodo di residenza equivalente a quella fornita dal Sistema Sanitario Nazionale. La valutazione della sufficienza delle risorse finanziarie sarà effettuata su base individuale e, in ogni caso, tenendo conto della situazione personale e familiare del richiedente. Sarà considerata una prova sufficiente per soddisfare questo requisito il possesso di risorse superiori all’importo stabilito annualmente dalla legge sul bilancio generale dello Stato per il diritto a ricevere una prestazione non contributiva, tenendo conto della situazione personale e familiare dell’interessato.
  • risulta studente e iscritto a un centro pubblico o privato riconosciuto o finanziato dall’amministrazione scolastica per gli studi o la formazione professionale, e disporre di un’assicurazione sanitaria pubblica o privata stipulata in Spagna o in un altro Paese che garantisca una copertura completa in Spagna e una dichiarazione responsabile di risorse sufficienti per sé e per i propri familiari, in modo da non diventare un peso per il sistema di assistenza sociale spagnolo durante il periodo di residenza, oppure
  • risulta familiare che accompagna o si ricongiunge a un cittadino dell’Unione o dello Spazio economico europeo, gia’ residente in Spagna, che soddisfi una delle condizioni di cui sopra. Il familiare può essere:

1.            Nel caso di un familiare dello studente, il suo coniuge o partner registrato o i figli dello studente e del suo coniuge o partner a carico.

2.            Negli altri casi, il coniuge o il partner registrato, i suoi discendenti diretti e i discendenti diretti del coniuge o del partner che non abbiano compiuto 21 anni o siano incapaci, o che abbiano compiuto tale età e vivano sotto la sua tutela, e gli ascendenti diretti di lui o del coniuge o del partner registrato che vivano sotto la sua tutela. Per familiari a carico si intendono i membri della famiglia il cui sostegno finanziario è fornito dall’individuo dell’UE e che necessitano di assistenza materiale per soddisfare le loro esigenze di base. Questa dipendenza deve esistere nel Paese d’origine.

– A seconda del caso:

  • Se si risulta occupati, si puo’ presentare uno dei seguenti documenti:

1.            Dichiarazione di assunzione o certificato di lavoro del datore di lavoro, comprendente almeno i dati relativi alla ragione sociale e all’indirizzo dell’azienda, il codice fiscale e il codice del conto contributivo.

2.            Contratto di lavoro registrato presso il Servizio pubblico per l’impiego, o la notifica del contratto e delle sue condizioni attraverso la piattaforma CONTRAT@.

3.            Documento di iscrizione o situazione analoga all’iscrizione al regime di previdenza sociale corrispondente o consenso alla verifica dei dati negli archivi della Tesoreria generale della previdenza sociale.

  • Se si e’ lavoratori autonomi si puo’ presentare uno dei seguenti documenti:

1.            Registrazione nel Censimento delle attività economiche.

2.            Giustificazione del vostro stabilimento attraverso l’iscrizione al Registro Mercantile.

3.            Documento di iscrizione o situazione analoga all’iscrizione nel corrispondente regime di Sicurezza Sociale, o consenso alla verifica dei dati negli archivi della Tesoreria Generale della Sicurezza Sociale o dell’Agenzia delle Entrate.

  • Se non si lavora in Spagna, è necessario presentare:

1.            Documentazione che attesti il possesso di un’assicurazione sanitaria pubblica o privata, stipulata in Spagna o in un altro Paese, purché offra una copertura in Spagna durante il periodo di residenza equivalente a quella fornita dal sistema sanitario nazionale. I pensionati soddisfano questo requisito presentando un certificato che attesti l’assistenza sanitaria fornita dallo Stato da cui ricevono la pensione.

2.            Documentazione che attesti la disponibilità di risorse sufficienti per sé e per i propri familiari durante il periodo di residenza in Spagna. Questo può essere accreditato con qualsiasi mezzo di prova legalmente accettato, come ad esempio atti di proprietà, assegni certificati, documentazione che attesti il reddito da capitale o carte di credito con certificazione bancaria che attesti il credito disponibile su tale carta.

  • Se si e’ studenti occorrera’ presentare:

1.            Iscrizione al centro educativo pubblico o privato, riconosciuto o finanziato dall’amministrazione scolastica competente.

2.            Documentazione che attesti l’esistenza di un’assicurazione sanitaria pubblica o privata. È possibile presentare la tessera europea di assicurazione malattia valida per il periodo di residenza e che dà diritto a ricevere le prestazioni sanitarie necessarie dal punto di vista medico, tenendo conto della natura e della durata delle prestazioni fornite.

3.            Dichiarazione di disporre di risorse sufficienti per sé e per i propri familiari durante il periodo di residenza in Spagna. La presentazione di una documentazione che attesti la partecipazione a un programma dell’Unione Europea che promuove lo scambio educativo per studenti e insegnanti sarà considerata sufficiente per soddisfare questi requisiti.

  • Se si e’ familiari di un cittadino dell’Unione, residente in Spagna, occorre presentare:

1.            Documentazione che attesti, se del caso, il legame familiare con la persona dell’Unione, debitamente legalizzata.

2.            Documentazione che attesti la dipendenza economica.

3.            Documentazione che attesti che il familiare avente diritto ha un lavoro dipendente o autonomo, o dispone di mezzi di sostentamento sufficienti e di un’assicurazione sanitaria, o è uno studente, dispone di mezzi sufficienti per sé e per i suoi familiari e ha un’assicurazione sanitaria. Nota importante: quando si presentano documenti provenienti da altri Paesi, questi devono essere tradotti in spagnolo o nella lingua co-ufficiale della comunità autonoma in cui si presenta la domanda e devono essere debitamente legalizzati o apostillati.

Principali differenze tra i certificati

– Scopo: il Certificato di non residenza è destinato alle persone che non sono residenti fiscali in Spagna e ha uno scopo principalmente fiscale, mentre il Certificato di registrazione di cittadino dell’Unione Europea è richiesto per accreditare la residenza legale dei cittadini dell’UE in Spagna e garantisce i diritti associati.

– Destinatari: Il Certificato di non residenza può essere richiesto da cittadini di qualsiasi nazionalità non residenti fiscalmente in Spagna, mentre il Certificato di registrazione di cittadino dell’Unione Europea è riservato esclusivamente ai cittadini degli Stati membri dell’UE, del SEE o della Svizzera.

– Come si ottiene: Per il Certificato di non residenza, è necessario presentare la corrispondente documentazione alle autorita’ di polizia (Policia Nacional). Il Certificato di registro di Cittadino dell’Unione Europea, invece, richiede la presentazione di vari documenti e formalità presso le autorità di immigrazione.

– Validità e diritti: Il Certificato di non residenza è valido solo per scopi fiscali specifici e non conferisce diritti di residenza in Spagna. Il Certificato di Registrazione di Cittadino dell’Unione Europea, invece, convalida la residenza legale e concede i relativi diritti ai cittadini dell’UE residenti in Spagna.

Entrambi i documenti non hanno scadenza e, se utilizzati dai cittadini dell’UE, consentono loro di iscriversi alla previdenza sociale e di lavorare.

Il NIE (Número de Identificación de Extranjero) è un numero unico assegnato agli stranieri in Spagna (Equiparabile al codice fiscale italiano), compresi i cittadini dell’UE, ed è riportato sia sul «Certificado de no residente» che sul «Certificado de registro de ciudadano de la Unión Europea«. Il Certificato di non residenza è un documento che viene richiesto quando una persona non intende risiedere in Spagna ma deve svolgere determinate procedure o attività nel Paese.

Per ottenere la «Asignación de NIE» (Número de Identificación de Extranjero) presso un commissariato della Policia Nacional in Spagna, è necessario soddisfare alcuni requisiti. Il NIE è un numero unico che viene assegnato agli stranieri, compresi i cittadini dell’UE, che devono svolgere procedure o attività specifiche nel Paese.

I motivi più comuni per richiedere il NIE sono il lavoro, lo studio, le transazioni finanziarie, l’acquisto di un immobile, la creazione di un’impresa o altre attività che richiedono l’identificazione fiscale in Spagna.

È importante notare che i requisiti possono variare leggermente a seconda della comunità autonoma in cui ci si trova e possono essere soggetti a modifiche legislative. Pertanto, è sempre consigliabile informarsi presso il commissariato di extranjeria (ufficio immigrazione) della Policia Nacional più vicino al proprio luogo di residenza per avere informazioni aggiornate e precise sui documenti e sui requisiti specifici da presentare nel proprio caso.

BarcelonaGlobalService (https://barcelonaglobalservice. com/) valuterà la vostra situazione personale, economica, lavorativa e familiare in Spagna e, in base ad essa, vi proporrà l’opzione di ottenere, per cominciare, un certificato di non residente o un Certificato di registro come Cittadino dell’Unione Europea; in entrambi i casi, una volta ottenuto il documento, potremo procedere a registrare il vostro NIE nel database dell’Agenzia delle Entrate spagnola (Agencia Tributaria)presentando il modello 030, ad attivare il «Certificato Digitale» («Certificado Digital«) e, con questo, ad assegnarvi anche un NUSS (Numero di previdenza Sociale – Número de Seguridad Social).

In entrambi i casi, quindi (sia che otteniate un Certificato di Non-Residenza sia che abbiate i requisiti per un Certificato di registro di Cittadino UE), avrete tutto il necessario per iniziare a lavorare e registrarvi presso la Previdenza Sociale e l’Agenzia delle Entrate spagnola, in tempi rapidi e dovrete solo recarvi presso un commissariato della Policia Nacional con la documentazione che vi verrà inviata.

In sintesi, il Certificato di non residenza e il Certificato di registrazione di cittadino dell’UE sono documenti diversi con finalità diverse nel contesto della residenza in Spagna. Mentre il primo è legato allo status fiscale e non concede diritti di residenza, il secondo è essenziale per i cittadini dell’UE che desiderano vivere in Spagna e garantisce una serie di benefici e diritti. È essenziale comprendere queste differenze per garantire la conformità ai requisiti legali pertinenti ed evitare confusione nella gestione della residenza nel Paese.

Per ulteriori informazioni, contattare BarcelonaGlobalService all’indirizzo francesco@barcelonaglobalservice.com. (Facebook: https://www.facebook.com/Barcelonaglobalservice).

4 comentarios en “Differenze tra il Certificato di non residenza («Certificado de no residente») e il Certificato di registrazione di cittadino dell’Unione Europea in Spagna («Certificado de registro de Ciudadano de la Unión Europea»)”

  1. Buongiorno, vivo in Spagna da vari anni dove sono sposato, lavoro e ho un «Certificado de registro de ciudadano de la union europea» (NIE verde – anche mia moglie ha lo stesso documento) e ho un figlio nato da poco. cosa serve per far avere la tessera verde anche a mio figlio? Vi ringrazio

    1. Salve Piero, da ciò che mi ha sintetizzato direi che vi sono tutti i requisiti per far ottenere un «Certificado de registro de ciudadano de la Unión Europea» (La tessera verde che lei e sua moglie avete) anche a suo figlio appena nato, sara’ necessario dimostrare con vari certificati scaricati dalla sede electrónica della seguridad social che uno dei due genitori (O entrambi) stia lavorando in Spagna, nonché dimostrare il vincolo familiare con un certificato di nascita (Mi raccomando, originale) in spagnolo oppure, se suo figlio fosse nato all’estero, con traduzione giurata originale 8E, possibilmente, Apostille, anche se questa non sempre viene richiesta) oppure, se suo figlio fosse nato in un paese membro UE, potrebbe benissimo utilizzare un certificato di nascita (In cui risulti lei o sua moglie, ovvero uno dei due genitori – o entrambi – che possa dar diritto al bambino a ottenere il «Certificado de registro») originale emesso in formato europeo «Multilingue», che farebbe si che non sia necessaria una traduzione giurata. Le consiglio vivamente, inoltre, di produrre un certificato di nascita emesso recentemente (Non oltre 30 giorni) dato che spesso molti commissariati di polizia pongono tale condizione. Un saluto

  2. Buonasera, mi sono rivolta la consolato spagnolo a Milano per farmi avere il NIE dato che ho detto che dovro’ trasferirmi a breve in Spagna per lavoro ma non hanno voluto assolutamente emetterlo dicendo che nel mio caso dovro’ farlo direttamente in Spagna, e’ cosi’ o semplicemente non avevano voglia di farmi il NIE? saluti

    1. Salve Bea, in effetti i consolati spagnoli normalmente (Tranne casi davvero eccezionali) assegnano un NIE solo nei casi in cui un cittadino debba recarsi in Spagna non per un trasferimento definitivo ma per realizzare operazioni specifiche, ad esempio un acquisto di un immobile/firma di atto dinanzi a un notaio, apertura di un conto corrente, procedimenti molto specifici con la pubblica amministrazione. In effetti in tutti gli altri casi sara’ necessario richiedere una «Asignacion de NIE» presso un commissariato di extranjeria della Policia nacional in Spagna, personalmente o tramite rappresentante autorizzato mediante procura speciale notarile (Le consiglio di leggere questo articolo che le chiarira questi e altri dubbi: https://barcelonaglobalservice.com/2023/08/07/domande-frequenti-sul-nie/). Un saluto

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *

Ir al contenido